Antonio Geracitano

L’ Imprenditore, La Storia, Il Presente e il Futuro…

I Miei 5 Anni

Presidente della Commissione Ambiente e Sanità

CAPOLISTA di NOI CON ANZIO per De Angelis Sindaco

Cari elettori, mi rivolgo a voi dopo cinque anni di intenso lavoro e non facile impegno del mio primo mandato a favore dell’Amministrazione Comunale di Anzio, anche nel ruolo e nella funzione di Presidente della Commissione Sanità ed Ambiente, con cui ho perseguito obiettivi di assoluto interesse per la nostra collettività. Nel chiedervi un voto che confermi il vostro consenso nei miei confronti , il sostegno per Noi con Anzio e la coalizione di centrodestra, che converge sulla candidatura a Sindaco di Candido De Angelis, ritengo giusto di rivolgermi a voi non con argomenti in cui possano prevalere gli aspetti usuali e paradossali della politica, ma facendo con voi un sereno bilancio di quanto fatto negli anni trascorsi, base essenziale e concreta per il mio futuro impegno nell’aula di Villa Sarsina e nel territorio, al vostro fianco, nell’interesse della Città.
 

Il Bilancio che mi sento di fare

Sinceramente, mi dichiaro soddisfatto del mio impegno e del mio lavoro a favore dell’Amministrazione Comunale, anche se perplesso rispetto al risultato ottenuto per via di una resistenza passiva, incomprensibile per il necessario rispetto delle regole, cosa alla quale molti si sono rivelati allergici. Sono comunque ispirato da un sentimento positivo. Le caratteristiche che da operaio mi hanno fatto divenire imprenditore ed ora, con ancora più energia e coraggio, amministratore pubblico, la passione e l’amore che provo per Anzio si rinnovano ogni giorno di fronte agli insulti del degrado, che è costretta a subire la Città, vuoi per l’inciviltà di alcuni, vuoi per l’inadempienza di chi è pagato per servizi , che non onora nel modo dovuto.

Il vento del cambiamento e la mia nuova discesa in campo

Il mio campo d’azione, oltre l’ambiente, la sanità

Sono stato commosso dalla partecipazione e collaborazione del mondo sanitario per sviluppare la cultura del dono, per arrivare con l’Amministrazione alla svolta che consente adesso ad ogni cittadino di esprimere sul proprio documento d’identità l’assenso alla donazione degli organi. Come non posso dimenticare la grande manifestazione del 30 novembre 2015 a Villa Sarsina, quando agimmo in contemporanea con COP 21 a Parigi per promuovere la lotta contro le variazioni climatiche nel Mediterraneo.

La mia nuova discesa in campo

La mia appartenenza al centrodestra è stata sempre fuori discussione. L’esperienza e le occasioni d’incontro positivo mi collocano naturalmente nell’alveo di Noi con l’Italia, che è partito che punta al futuro. Tra le novità importanti, oltre la candidatura “forte” di Candido De Angelis, la nascita della nuova formazione “Noi con Anzio” per la consultazione del prossimo 10 di giugno. La cosa straordinaria è che abbiamo immediatamente raccolto adesioni di giovani e di professionisti che guardano come me a migliorare il futuro della Città, puntando sulle sue peculiarità in chiave progettuale, perché Anzio è unica per storia e risorse ambientali.

Gli obiettivi, le scelte, le strategie progettuali, i programmi

Sono assolutamente d’accordo e impegnato per la candidatura di De Angelis a Sindaco, in quanto uomo giusto per continuare sulla linea del rigore e dello sviluppo, mantenuta fin qui da Luciano Bruschini e in grado di realizzare un progetto adeguato ai tempi, che veda protagonisti i giovani anziati , che guardi al futuro. Questa Città, che ha conosciuto momenti straordinari per la sua millenaria storia e per la sua collocazione geografica, ha ancora molto da offrire in campo turistico, quindi generando nuove opportunità di economia e di lavoro. Per questo, occorre ripartire dal decoro, che va ancora migliorato e difeso ad ogni costo, passando per la ottimizzazione del presidio sanitario e per la salute, come speculare ad un ambiente sano, liberato dai rifiuti , che devono essere visti non come un problema, ma come una risorsa recuperabile sino al novanta per cento. Abbiamo splendide ville pubbliche da valorizzare e verde da ripulire e risanare, puntiamo sulla sicurezza e la viabilità, sulle strutture pubbliche esistenti e da realizzare, come mezzi indispensabili per il turismo. Al riguardo voglio ricordare che sono fondamentali la sistemazione delle strutture portuali e l’utilizzo mirato del Paradiso sul Mare, oltre che una giusta valorizzazione delle spiagge e delle aree di balneazione per le quali dobbiamo riottenere la bandiera blu, oltre la verde, nonché delle aree archeologiche, come elementi decisivi per una proiezione in avanti della nostra economia, quindi con incremento della ristorazione e del commercio , oltre che del ricettivo. Inoltre, un pensiero per l’Arcipelago Pontino, meta agognata per un flusso turistico straordinario che non può soltanto transitare, da Anzio. Per questo, bisogna assolutamente rinforzare la nostra offerta di servizi nell’area portuale, le nostre opportunità di soggiorno, cura, congressistica, sport e svago nel territorio. Infine, tornando alla viabilità, i problemi da risolvere non riguardano solamente la manutenzione stradale, ma sicuramente, la necessità di rivedere la funzionalità della Pontina, della Nettunense, della Litoranea, di adeguare la qualità del trasporto su ferro e la realizzazione di un collegamento diretto, oltre che con Roma, con l’Aeroporto ” Leonardo da Vinci”.